Diceva il conte Verri...

"La voce della verità comincia da lontano a farsi ascoltare, poi si moltiplicano le forze, e la opinione regina dell'universo sorride in prima, poi disputa, poi freme, poi ricorre alle arti, poi termina derisa: questo è il solito gradato passo che fa la ragione a fronte dell'opinione" (Pietro Verri)

lunedì 18 maggio 2015

TOLLERANZA ZERO COI CITTADINI, MA MAI CON LE AZIENDE

Mano morbida con le aziende, ma inflessibile coi cittadini. La Lega Nord dimostra ancora una volta di aver più a cuore gli interessi privati che quelli pubblici, facendo calare ombre sempre più cupe su un operato amministrativo ormai in rovinoso declino. Quando, nel 2011, ebbe inizio l'attuale mandato amministrativo, la prima proposta che Lista per Biassono avanzò al Consiglio Comunale consisteva nella richiesta della costituzione di un Fondo Anticrisi che servisse da ausilio alle famiglie biassonesi colpite dalla grave congiuntura economica.

La Giunta Malegori liquidò sbrigativamente e in modo sprezzante la questione, arrivando a sostenere che “a Biassono la crisi non esiste!”.

Sono passati, da allora, quattro lunghi e penosi anni e, finalmente, anche l'amministrazione leghista sembra accorgersi che, persino sul nostro “impeccabile” territorio, “privati ed imprese incontrano sempre maggiori difficoltà economiche”.
Ecco passare quindi in sordina la Delibera n.22 del 19.02.2015.
Meglio tardi che mai, si potrebbe pensare.

Poi, analizzandola meglio, si scopre che il citato provvedimento è indirizzato e rivolto a tutt'altro scopo.

E riguarda la rateizzazione degli importi sanzionatori per i procedimenti di abusivismo edilizio.

Avete capito bene!

Ecco le motivazioni della Giunta:

. Ritenuto che l'importo delle sanzioni amministrative pecuniarie proprie della materia edilizia che, istituzionalmente, il Comune è chiamato a irrogare a privati e imprese, per la repressione dell'attività edilizia abusiva, risulta talvolta rilevante;

. Ritenuto che il crescente impatto economico e sociale che sanzioni amministrative pecuniarie di notevole importo provocano su privati ed imprese è ormai ben documentato dai casi di insolvenza che hanno cominciato a presentarsi tra i soggetti sanzionati;

. Ritenuto che l'esercizio dell'impresa risulta spesso incompatibile con il pagamento di sanzioni di notevole importo in momenti difficili per l'economia;

Tutto ciò premesso, si stabilisce che:

per importi fino a 5.164,00 euro, si procederà alla riscossione coattiva;

da 5.164,00 e fino a 30.000 euro sono ammesse 3 rate da pagarsi entro 12 mesi;

da 30.000 e fino a 100.000 euro sono ammesse 6 rate da pagarsi entro 24 mesi;

da 100.000 e fino a 300.000 euro sono ammesse 12 rate da pagarsi entro 48 mesi;

per importi superiori a 300.000 euro sono ammesse 18 rate da pagarsi entro 6 anni.

Domanda ingenua:

ma la Lega Nord non è quella della Tolleranza Zero?

venerdì 15 maggio 2015

TRATTAMENTO DI FAVORE AI PRIVATI, MA MAI A QUELLI GIUSTI

La giunta spara a zero contro Equitalia, ma la sua apertura alla privatizzazione della riscossione dei tributi non favorisce certo Biassono. 

A ben guardare, infatti, la riscossione è diventato uno dei settori più ambiti per chi voglia fare business e tante, ormai, sono le aziende private che si occupano dell'accertamento e della riscossione dei tributi locali. Peccato che le tariffe praticate finiscano spesso e volentieri per essere più onerose rispetto a quelle definite “da usura” di Equitalia. Cosa di cui la nostra cara giunta leghista, però, si vede bene dal dire e combattere.

Il problema è quanto mai vivo in paese. Già mesi addietro avevamo manifestato la nostra preoccupazione per l'entità dei residui attivi a Bilancio (906.000 euro) che, per la giunta, erano considerati però crediti di “dubbia esigibilità”.

Avevamo anche osservato che, in tempo di crisi e in tempi in cui vengono meno le risorse, essere capaci di riscuotere quanto di spettanza del Comune rappresenta uno degli indicatori più politicamente ed economicamente significativi.

Rimaniamo convinti, peraltro, del ruolo centrale dell'operatore pubblico in tutti i vari settori della Pubblica Amministrazione, in particolare in quello economico/finanziario.
Ciò a cui si assiste, invece, è la caccia che gli imprenditori privati della riscossione stanno dando agli appalti dei Comuni che hanno deciso di abbandonare Equitalia.

Quella di screditare Equitalia è una pratica molto diffusa; rende sempre molto in termini di visibilità ed è di facile presa sulla collettività, ma in termini economici è purtroppo l’inverso. Basta fare due conti.   

L'aggio sulla riscossione riconosciuto a Equitalia è fissato dalla Legge ed è oggi pari all'8%. 

Ma cosa è l'aggio, esattamente?

E' il corrispettivo che Equitalia incassa per l'attività svolta.

E chi lo paga?

Se il pagamento della cartella avviene entro 60 giorni dalla notifica, l'aggio è in parte a carico del contribuente (il 4,08%) e per la restante parte è a carico dell'ente creditore.
Se invece il pagamento avviene oltre i 60 giorni, l'aggio è totalmente a carico del contribuente.

I giudici tributari sono concordi nel ritenere che l'aggio non può avere carattere punitivo, in aggiunta alle sanzioni e agli interessi, facendo lievitare il conto finale rispetto alla contestazione iniziale d’imposte o multe non pagate.

E a Biassono che succede?

In via sperimentale, è stata affidata alla società Nivi Credit Srl di Firenze la notifica e la gestione, ivi compreso il relativo recupero crediti, delle sanzioni amministrative emesse per infrazioni al Codice della Strada nei confronti di cittadini stranieri residenti all'estero. Cifre che, in base alle recenti aspettative comunicate dal sindaco alla stampa, si preannunciano molto pingui.  

Per Lista per Biassono la privatizzazione in toto della riscossione, in particolare di quella spontanea, effettuata volontariamente dal contribuente, senza l'intervento diretto dell'ente impositore, non trova però alcuna giustificazione né razionale né economica.
Non si comprende infatti per quale motivo l'ente locale debba corrispondere un aggio alla società incaricata della riscossione, tenuto conto che questa non ha dovuto svolgere altra attività, se non quella di contabilizzare le somme versate e corrisponderle al Comune.
Nell'affidamento dell’incarico del Comune di Biassono si evidenzia che, oltre all'importo dovuto, saranno posti a carico del debitore “tutte le spese postali e le spese anticipate da Nivi Credit Srl, relative ai costi di procedura, Legali o di Agenzie di Recupero Crediti corrispondenti”.

Ovviamente, viene stabilito anche un compenso provvigionale dei servizi: “sarà riconosciuto a Nivi Credit Srl sulle sole posizioni incassate nella misura del 35% + IVA dell'importo incassato al netto di tutti i costi per la notifica e di recupero del credito anticipato da Nivi”.

Già che ci siamo, ci permettiamo di suggerire alla Società fiorentina di fornire anche, a proprie spese, al Comune di Biassono qualche ausiliario del traffico.
Così, tanto per portarsi avanti con le contravvenzioni.


I biassonesi, comunque, stiano sereni; per il momento, a pagare saranno i cittadini stranieri residenti all'estero. Per il momento.    

mercoledì 29 aprile 2015

ANPI SDEGNATA: IL SINDACO MALEGORI OFFENDE TUTTI!

Riportiamo e sottoscriviamo ogni singola nota del comunicato stampa ufficiale dell'ANPI Biassono. Mai più oltraggi simili a Biassono. Mai più Lega Nord. Mai più Piero Malegori e revisionismi antidemocratici.
    
"Anche se non più avvezzi alla vista, i cittadini biassonesi sanno ancora bene che la fascia tricolore è "distintivo del Sindaco". Che la può, anzi la deve, indossare ogni qual volta la partecipazione a manifestazioni pubbliche assuma ruolo e veste di ufficialità.


I nostri concittadini sanno anche che altro simbolo che contraddistingue la collettività biassonese è il Gonfalone del comune.

L'articolo 1, comma 6, del nostro Statuto impone che "il Comune fa uso, nelle cerimonie ufficiali, del gonfalone".

Sabato scorso, 25 aprile, ampia è stata la partecipazione di cittadini e di Associazioni locali alla celebrazione del 70° anniversario della Liberazione; queste ultime erano presenti e rappresentate dai propri vessilli e dalle rispettive bandiere.

Unica nota stonata, e gravemente lesiva della dignità delle istituzioni biassonesi, l'assenza del gonfalone del Comune di Biassono e l'intervento, senza fascia tricolore, del signor Angelo Piero Malegori.

Ne dobbiamo dedurre:

a) che per i nostri amministratori quella della Festa della Liberazione NON ERA UNA CERIMONIA UFFICIALE  

b) che il Sindaco vi abbia preso parte a TITOLO PRIVATO o, comunque, NON UFFICIALE

In questi giorni sulle facciate dei Municipi di 50 comuni della nostra Provincia campeggiano stendardi che celebrano la ricorrenza del 70° anniversario della Liberazione.

Non è il caso, purtroppo, del Comune di Biassono, che, di solito, è più che solerte nell'esprimere "gesti di vicinanza" a chiunque manifesti propositi di indipendentismo e secessione. E che, invece, ha scientemente deciso di manifestare eloquenti  "gesti di lontananza" rispetto a chi, in Italia, ha sacrificato la propria esistenza per la libertà di noi tutti.

Il Direttivo della Sezione Anpi di Biassono, con la presente intende manifestare il proprio sdegno nei confronti dei vergognosi comportamenti dei nostri amministratori che hanno offeso la sensibilità di ogni biassonese democratico ed antifascista".




lunedì 27 aprile 2015

LAVORATORI BIASSONESI SENZA PIU' DIRITTI

"Monitoreremo le situazione". E' questo l'impegno assunto dal sindaco Piero Malegori nei confronti dei lavoratori biassonesi della Watts che, alla luce degli ultimi sviluppi di cronaca, rischiano di perdere il posto di lavoro.

Impegno, se ci è consentito, piuttosto general generico. Non si capisce, infatti, in cosa esso concretamente si sostanzi.

Forse il sindaco non riesce a scorgere la spada di Damocle che pende sui nostri concittadini: la posizione di totale chiusura della dirigenza aziendale da una parte, dall'altra il rifiuto pregiudiziale di accedere agli ammortizzatori sociali (che eviterebbero, almeno temporaneamente, il ricorso ad interventi traumatici), determineranno, il 12 maggio, l'inoltro di 28 lettere di licenziamento.

Ci saremmo aspettati, quindi, qualcosa di più del semplice "monitorare la situazione".

Avremmo auspicato, e continuiamo ad auspicare, la decisa azione della nostra amministrazione per il ristabilimento di un tavolo di confronto tra tutte le parti coinvolte.

Lista per Biassono, nel manifestare la propria solidarietà ai dipendenti della Watts, non mancherà di chiedere conto al sindaco ed alla giunta delle iniziative intraprese per scongiurare l'adozione di provvedimenti quali i licenziamenti.
Pur senza coltivare soverchie illusioni.

Conosciamo i nostri amministratori e sappiamo che la materia sindacale e i diritti dei lavoratori non rientrano appieno nelle loro corde.

Ma li conoscono, soprattutto, i dipendenti comunali.

Da ormai quattro anni la Giunta leghista decide con proprio atto unilaterale la destinazione di risorse che sarebbero demandate alla contrattazione decentrata integrativa.

Così come, in maniera unilaterale, decide sulle indennità di responsabilità o sull'erogazione del salario accessorio.


Mettendo in atto, nei fatti, atteggiamenti discriminatori tra i dipendenti comunali.

Lega Nord: sempre più padrona (strafottente) a casa dei biassonesi

venerdì 17 aprile 2015

"Ohibò, Tonto, come faccio a dormire con te che strilli "tutto va bene" tutto il tempo?"

Robin Hood ha trovato un nuovo set cinematografico a Biassono.

Manco fosse Giovanni Plantageneto, il sindaco Piero Malegori investe del ruolo di sceriffo di Nottingham il comandante della polizia e lo coinvolge nell formazione degli studenti locali sulla sicurezza stradale. Ma non è tutto. Addirittura sugli STILI DI VITA!

Durante l’ultimo Consiglio comunale dei Ragazzi, il comandante Piacentini, insieme al suo vice Coppola, hanno infatti illustrato ai ragazzi il ruolo della polizia locale, ribadendo con l’occasione uno dei cavalli di battaglia leghisti. “L’uso dello skateboard è consentito SOLO nelle aree specifiche”.

Peccato che, da SOLI tre anni, i rappresentanti dei ragazzi in Consiglio comunale chiedano proprio una pista da skate attrezzata, nonostante la giunta si sia dimostrata sino ad ora sempre sorda.

Aspettiamo chiarimenti dall’assessore alla Pubblica istruzione Nadia Beretta, che - sicuramente attenta - troverà presto la soluzione. Quando si risveglierà.
Dopodiché Malegori, forse pentito di aver lasciato il ruolo d’educatore a Piacentini, si riprende gli abiti da sceriffo e gonfiando il petto esclama: contro gli schiamazzi a tarda ora, TOLLERANZA ZERO!

Nessun dubbio che, con l’arrivo della bella stagione, i residenti del centro storico saranno costretti a sorbirsi una buona dose di schiamazzi. Dove mai potrebbero ritrovarsi i giovani a Biassono, quando per loro quest’amministrazione comunale non investe neppure un euro? Costretti a usare il sagrato come panchina, a sedere sui tavolini dei bar chiusi, a sfruttare qualche cordolo di fortuna, finiscono inevitabilmente a ritrovarsi sotto le finestre delle case altrui, se non direttamente su pericolose strade trafficate. Per loro, niente spazi a Biassono: sono solo un problema per la giunta leghista. Un problema che spinge a una dichiarazione di guerra preventiva e minaccia l’uso della forza.

Se per la Lega Nord i giovani esistono solo quando occorre minacciare multe, perché danno grattacapi alla polizia o semplicemente a causa del disturbo arrecato dai loro skateboard, significa proprio che non sarà mai riconosciuta loro la dignità di veri cittadini; né, tanto meno, verrano mai creati opportunità o spazi pubblici per aiutarli a crescere davvero in paese.

Sono anni che denunciamo la mancanza di punti di ritrovo a loro destinati, il loro essere abbandonati a se stessi. Abbiamo chiesto di destinare Villa Monguzzi anche alle loro attività. Di coinvolgerli in progetti culturali amministrativi. Di farne guide per la scoperta del nostro territorio e menti vivaci per un nuovo paese. Di stimolare la loro indubbia creatività. Senza alcuna pretesa di “guidare” o “imporre modelli”, ma dando loro mezzi e strumenti per esprimere semplicemente la scintilla che portano dentro.


E la giunta che fa? Dichiara guerra. Invece di cogliere l’occasione per trovare soluzioni adatte a tutti, la Lega Nord fomenta conflitti fra una categoria di cittadini e l’altra, stigmatizza e sfiducia. D’altra parte, cosa aspettarsi da chi ha sempre bisogno di un nemico per convincere alla propria causa? Meglio aizzare gli istinti più bassi, piuttosto che stimolare un sano spirito critico. Non sia mai che, questi pirati della strada, teppisti sporcapiazze e inguaribili perditempo, al pari dei troppi stranieri che ci assediano, alzino davvero la voce per reclamare i propri diritti…

lunedì 13 aprile 2015

COLPO DI SCENA! L'ONOREVOLE SALVINI SI SCHIERA CON LISTA PER BIASSONO!

Ebbene sì, l’onorevole Salvini ci ha stupiti positivamente! Anzi, lo ringraziamo di cuore per la sua campagna a favore del cambiamento a Biassono, non potendo che accoglierlo tra i sempre più numerosi delusi della Lega Nord.

Se persino l’on. Salvini, segretario in pectore delle Lega Nord, ha compreso il disagio e lo scontento dell’intero paese, spingendo i suoi a organizzare un banchetto a tema la domenica mattina, in piazza della chiesa, vuol dire che il sindaco Malegori e la sua giunta sono proprio al capolinea.

Dopo 19 anni di amministrazione della Lega Nord, proprio non se ne può più.

Ovvio che dire “CAMBIARE SI PUO’”, a Biassono, è dire: per favore, non votate più la Lega Nord!

Salvini si sarà infatti accorto delle troppi vicoli ciechi imboccati della giunta:

1) Aver fatto sconti alla SIAS, a spese dei cittadini, per cifre superiori ai 100mila euro;

2) Aver approvato un Piano di Governo del Territorio che farà colare cemento per 100mila metri cubi di nuove costruzioni; 

3) Aver spinto le tasse locali ai livelli più alti di tutta la Brianza; 

4) Aver abbandonato al suo destino un asilo pronto da 2 anni, pur di non renderlo pubblico e permettere tariffe ragionevoli ai biassonesi; 

5) Esser pronti a sacrificare 100 metri quadrati di giardino della scuola materna “Clotilde Sagramora”, in barba al lascito dei Conti Verri che lo proibisce; 

6) Essersi “dimenticati” d’incassare oltre 2 milioni di euro dai costruttori edili per inadempienza di contratto (opere non ancora finite e in ritardo da più di 2 anni); 

7) Esser intenti a svendere il patrimonio di case pubbliche presso l’area Cascine, sfrattando poi anziani in difficoltà per mancanza di alloggi! 

8) Meglio fermarsi qui...
  
Può darsi poi che Salvini sappia qualcosa che a noi ancora sfugge. Oppure anche a lui sono bastate tutte le denunce tempestivamente segnalate da Lista per Biassono su questo blog (e non solo). Qualunque  sia la ragione, finalmente pare essersi mosso a compassione, esortando i cittadini di Biassono a cambiare.


Bravo Salvini! Anche noi lo sappiamo: a Biassono non solo SI PUO’ CAMBIARE, SI DEVE!

mercoledì 8 aprile 2015

ALL'ARME UCRAINA, L'EVENTO DI LPB NELLE PAROLE DI UN TESTIMONE

Settimane e settimane d'instancabile dibattito. Dopo aver affrontato il tema relativo alla crisi ucraina e alle sue ricadute territoriali in Villa Verri a Biassono, grazie all'iniziativa congiunta di Lista per Biassono, Associazione culturale Gaetano Osculati e al network Altrimenti.net, la sorte dell'ex repubblica sovietica continua a infiammare gli animi. Se la pagina Facebook dell'evento pubblico del 9 marzo scorso è stata presa d'assalto da sostenitori vicini all'Ucraina così come alla Russia, tanto da trasformarsi in uno dei più accesi forum pubblici in Italia, ora giunge una nuova e dettagliata testimonianza dal blogger Cristiano Patuzzi. Desideriamo dunque condividere la sua riflessione anche attraverso il nostro blog, rimandandovi direttamente al suo articolo. Non si è mai sufficientemente vigili, quando la guerra bussa alle porte e una minaccia rischia di trasformarsi in catastrofe.




  

martedì 24 marzo 2015

AFFITTI TROPPO SALATI E SALMONI INSIPIDI

Casa: un problema, più che un diritto, per la giunta leghista. Non sappiamo se l’assessore ai Servizi Sociali Nadia Beretta abbia letto l’articolo di Barbara Apicella sul “Il Cittadino” di sabato, in merito alle difficoltà economiche del signor Febbraio, ma se non l’avesse fatto speriamo almeno qualche suo conoscente glielo abbia raccontato.

Stiamo parlando di Mario Febbraio, un pensionato ultrasettantenne che vive a Biassono con la propria compagna ammalata e che, come molti della sua età, si trova ora in difficoltà economiche, al punto da non essere più in grado di pagare l’affitto di casa.
Un'ulteriore dimostrazione del fatto che anche nel nostro paese si delinea ormai una situazione sociale critica, riguardante famiglie che corrono il concreto rischio di rimanere in mezzo alla strada.
Non a caso Febbraio e compagna dovranno liberare al più presto la proprietà assegnata loro su accordi solidali, per lasciar posto a una famiglia con minori. Della problematica generale il sindaco Piero Malegori è sicuramente a conoscenza, tant'é che lui stesso ribadisce: "c’è una grande richiesta di case comunali".
Bene. Anzi male.
Se giunta e sindaco sono a conoscenza della penuria di case comunali, noi ci chiediamo: per quale motivo, invece di costruire nuove case comunali, stanno oggi (s)vendendo quelle già in possesso dell'amministrazione in zona cascine?
Insomma, c’è maggior richiesta di appartamenti pubblici per via del crescente disagio sociale, ma questa giunta cosa fa? Semplice: se ne sbarazza!
C’è bisogno di case comunali? Noi vendiamo quelle che abbiamo! Già 5 appartamenti sono stati infatti alienati dal patrimonio comunale nelle settimane scorse.

Come i salmoni loro vanno sempre……controcorrente!

Per loro stessa ammissione, vendono infatti case comunali perché non riescono a gestirle; non riescono a far pagare i morosi che ne hanno la possibilità, non sono in grado di capire se chi le abita abbia tuttora il diritto per farlo, e via così. 

Il vero problema è che Malegori e i suoi accoliti leghisti non sanno affrontare problemi ad approccio complesso: più che gonfiare il petto e alzare la voce con gli anziani, non sanno fare altro. Non hanno idea su come attuare politiche alternative. 

Il disagio di non saper affrontare e risolvere i problemi ricade però su tutti i cittadini, sia su quelli socialmente più indifesi, sia su quanti si vedono privati di patrimonio pubblico per via della loro incompetenza. Vendere appartamenti può forse tappare qualche falla di bilancio a breve, ma espone il Comune a situazioni ben più gravi per i tempi a venire. 


E’ già marzo inoltrato, ma siamo preoccupati per Febbraio.

martedì 17 marzo 2015

IL PEDIBUS DELLA BELLA ADDORMENTATA NEL BORGO

Oibò! L'assessore ai rapporti con la pubblica istruzione, Nadia Beretta, s'è svegliato! Peccato fatichi ancora a distinguere i suoi sogni, o incubi, dalla realtà. 

Capovolgere la verità è infatti uno sport molto praticato dai componenti della  giunta Malegori, ma riesce a mettere in evidenza solo la loro incapacità di amministrare correttamente il nostro paese.

Non è Lista per Biassono a “usare” i ragazzi della scuola per fare propaganda - come ci taccia nella sua ultima intervista su "Il Giornale di Carate" - ma, al contrario, è proprio l’assessore Nadia Beretta.

Anziché ammettere l’errore di aver respinto la mozione che LpB aveva avanzato ben TRE anni fa, finalizzata a organizzare e adottare il Pedibus anche a Biassono, ora il problema siamo tornati noi! Non coglie affatto lo spirito della volontà propositiva di proclamare una “giornata a scuola a piedi”, ci mette in bocca dichiarazioni che tradiscono la sua frettolosa, o forse snervata, lettura del blog (chiaro che il Consiglio comunale dei ragazzi si muova nel solco del Consiglio d’Istituto, come ben specificato nell’articolo del blog), scambia l’apprezzamento per l’attività dei giovani studenti biassonesi per una perversa strumentalizzazione delle loro menti ingenue. Per carità!

Sostiene quindi che i tempi non fossero maturi, che in questi anni la giunta non è stata ferma, che mancavano i volontari (!!!, ma come?? Avevano pure ricevuto proposte da parte di genitori su un piatto d’argento), che adesso sonderà l’opinione dei ragazzi della scuola…..bla, bla ,bla. 

Che cos’è cambiato da TRE anni a questa parte, caro assessore? Che opere, accordi o studi avete realizzato a Biassono in TRE anni? Nulla. Se il Consiglio d’Istituto, unitamente ai ragazzi delle scuole, non si fosse fatto avanti, l’idea di una giornata a piedi sarebbe ancora a impolverarsi negli archivi di Villa Verri, dove immancabilmente accantonate ogni proposta d’innovazione della vita comunale.

Il nostro errore, lo ammettiamo, è forse quello di aver svegliato l’assessore Nadia Beretta, rovinandole il riposino. D’altra parte, ogni volta che il suo assessorato viene portato in causa, la sua unica reazione è quella di bocciare a colpo sicuro: basti pensare a quando abbiamo proposto l’istituzione di un fondo per aiutare le famiglie in difficoltà, a causa della crisi. Crisi??? Macché! Per l’assessore, in Brianza e soprattutto a Biassono, era impossibile che le famiglie sentissero alcuna crisi, visto che il loro essere fieramente brianzole le escludeva per antonomasia da qualsivoglia disagio economico. Beh, sappiamo com’è andata subito dopo.

Consigliamo l’assessore Beretta di ritornare ai suoi sonnellini, così apprezzati durante i consigli comunali, visto che, quando non interviene, gli eventi accadono per semplice natura naturante, salvo i suoi improvvisi sbigottimenti e la sua metafisica constatazione di come la realtà prenda forma al contrario di come lei si fosse immaginata.

Pisoli ancora un po’, dunque: i nostri studenti troveranno forse modo di costruire anche la pista di skateboard richiesta da anni e ventilata in ogni consiglio comunale dei ragazzi. D’altra parte, la richiesta non le sarà certo sfuggita, vista la sua assidua frequenza alle sedute. Come già affermava Pedro Calderòn dela Barca, “la vita è un sogno”.